Donna Canfora, la leggenda della sua bellezza

Donna Canfora, la leggenda della sua bellezza

I miti e le leggende, in Calabria, non hanno mai fine. Donna Canfora, nobildonna di Taureana (Palmi), rimase giovanissima vedova. Di una bellezza estrema, tutti gli uomini le facevano la corte, ma lei era fedele al marito defunto. Perfino i Saraceni, che in quel periodo frequentavano le coste del Reggino, colpiti dalla rara bellezza, volevano conquistarla.

Donna Canfora

Le ordirono un tranello, fingendo che sulla loro nave ci fosse un mercato di beni preziosi, dei quali Donna Canfora era molto affascinata. Una volta salita sulla nave, i Saraceni salparono, e Donna Canfora morì gettandosi dalla nave in località Pietrenere. Annegò per il peso delle sue sontuose vesti. Si narra che il tratto di mare, dove ella morì, da allora possiede i colori più belli il blu, il turchese lo smeraldo ed il giallo dell’oro.

Donna Canfora

La poetessa Cosima Cardona ha scritto una poesia per ricordare questa bellissima calabrese.

Billizza e virtù

Rònna Canfura viniti viniti,
nu mecatu ri cosi prizusi …
supr’a navi rricchizzi viriti,
sunnu belli comu lu siti vui.

‘i onuri vistusta ‘sta fimmina,
ri rricchizza cchiù ri lu mari…
no’ nc’è modu mi poti cangiari,
portu a ttia ‘a me’ devuzioni.

Veduva, giuvina rrimania…
ma l’amuri pi’ ttìa è troppu forti,
‘a billizza chi ‘aju nte me’ carni
supirau ogni virtù…

” tutti l’omini chi cercunu a ttia ”
Ma u’ to’ cori rrìmani pi’ mmìa.

Fuja tintara… ri’ Saraceni,
puru ‘iddhi sintiru ‘a me’ storia,
puru ‘iddhi ‘nthronati ri’ gloria…
vonnu a mmìa e a nuddhu cchiù.

Mi thrariru, jeu fuja tintata
‘i ddhi ròbba, ‘i ddhi pethri priziusi,
jazunu l’ancura, cusì i Saraceni
e nto mari ti jittasti, ora tu…

‘a me’ sorti è sulu muriri
nta ddhi pethri chi sunnu niri,
jeu non sugnu nuddha Rrìggina,
ma ‘i onori e virtù sugnu china.

Jettu a’ mari ‘a me’ sarbizza,
‘a me’ stirpi, ‘a me’ sorti ‘a me’ razza
moru jeu, nta me’ terra, nto me’ mari
i culuri jeu vogghju cangiari….

Sunnu blù, e turchisi cchiù bellu
sunnu r’oru i culuri ru’ mari
nta ddha praja jeu vogghju rrìstari
e u’ me’ cori l’ ‘isti … sulu Tu

© Cosima Cardona

Potrebbe anche interessarti:

Lamia, le grotte ed il cuore di Zeus

[Voti: 3    Media Voto: 5/5]
© Riproduzione Riservata
Precedente El Chapo, Gratteri: "'Ndrangheta più feroce" Successivo Garanzia Giovani, Roccisano: "Autorizzati i rimborsi"